Scaricate il report 2024 Q2 Retail Media Benchmark di Pacvue per esplorare gli ultimi dati sulle prestazioni di Amazon, Walmart e Instacart.

Scarica ora

CMO Strategies: Beyond Amazon, i punti di forza delle principali reti di media per la vendita al dettaglio - da Amazon a Target

Tenendo presente la complessità dei canali di marketing, Glossy+ Research ha analizzato le strategie e le sfide dei principali canali di marketing - come il programmatic display e i social media - per identificare le tendenze chiave e le best practice nella nostra serie serie CMO Strategies.

In questa puntata, Glossy+ Research approfondisce l'analisi delle principali reti di media per la vendita al dettaglio, tra cui Walmart Connect, Target's Roundel e Kroger Precision Marketing. Il nostro primo rapporto sui media retail ha analizzato il panorama dei media per la vendita al dettaglio e il loro ruolo nei playbook dei marketer, con un focus su Amazon.

La trasformazione dei siti di e-commerce in piattaforme multimediali non è un'idea nuova, ma negli ultimi anni i media per la vendita al dettaglio hanno suscitato un maggiore interesse da parte dei marchi. Ciò è dovuto in gran parte all'enorme business pubblicitario che Amazon ha costruito. Tuttavia, anche altri rivenditori come Walmart, Target e Instacart hanno ampliato le loro piattaforme di media per la vendita al dettaglio, con alcuni che hanno ottenuto risultati a livelli pre-pandemici e altri che hanno registrato un'importante crescita delle metriche di performance. 

A luglio, la piattaforma di accelerazione del commercio Pacvue ha pubblicato i risultati pubblicitari del secondo trimestre del 2023 su Amazon, Walmart e Instacart, rilevando un cambiamento negli investimenti dei brand in annunci sponsorizzati e un aumento del targeting sulle tre piattaforme di vendita al dettaglio. Walmart è anche una delle prime tre piattaforme a cui si rivolgono gli acquirenti statunitensi quando iniziano la ricerca di prodotti online: Il 61% si rivolge a Amazon; il 49% a un motore di ricerca come Google e il 32% a Walmart.com, secondo eMarketer.

Allo stesso modo, le catene di negozi di alimentari stanno diventando partner interessanti per i marchi grazie alla frequenza d'acquisto dei consumatori, che fornisce ai rivenditori più dati su come i loro clienti fanno acquisti rispetto ad altri rivenditori. E le catene alimentari Krogers e Albertsons Companies sono pronte a cambiare ulteriormente il panorama dei media al dettaglio con un'imminente fusione nel 2024. Secondo le società, l'entità combinata raggiungerebbe circa 85 milioni di famiglie - e presumibilmente i relativi dati. 

"Non possiamo ignorare l'importanza della raccolta dei dati dei consumatori attraverso gli RMN", ha dichiarato Maren Kelly, vicepresidente del marketing della piattaforma di brand commerce PriceSpider. "La domanda di questo tipo di dati da parte dei brand è destinata ad aumentare, in quanto i marchi si rendono conto dei limiti posti dalla scomparsa dei cookie di terze parti e dalle normative sulla privacy. Dovranno rivolgersi a canali di marketing che offrano dati per contribuire a un migliore targeting del pubblico e a esperienze pubblicitarie personalizzate".

Secondo l'indagine CMO Strategies di Glossy+ Research, attualmente i media per la vendita al dettaglio sono il terzo canale pubblicitario più utilizzato dagli operatori del settore. L'indagine di Glossy ha rilevato che oltre un terzo degli addetti al marketing (38%) ha dichiarato di utilizzare la pubblicità sui media al dettaglio, collocandola subito dopo gli annunci display (61% degli intervistati) e i social media (97% degli intervistati) come canale di marketing principale.

Più di un terzo delle aziende utilizza canali di comunicazione al dettaglio

Fonte: Glossy+ Research, 2023 | D: Quali dei seguenti canali di marketing utilizza attualmente la sua azienda?

Tuttavia, Kelly di PriceSpider ha affermato che i media retail potrebbero superare gli annunci display se le tendenze di acquisto online delle varie generazioni continueranno. "Negli Stati Uniti, i millennial e la generazione X sono seguiti dalla generazione Z e dai baby boomer nella classifica degli acquisti digitali", ha dichiarato. "Se consideriamo i prossimi anni di crescita di questi acquirenti, potremmo vedere i media retail salire al di sopra degli annunci display, poiché gli acquirenti scelgono di iniziare la navigazione, la ricerca e la comparazione dei prodotti dai rivenditori rispetto a Google.com".

Metodologia

Per tracciare l'attuale playbook digitale dei marketer, Glossy+ Research ha inviato tre sondaggi a 635 intervistati, chiedendo loro informazioni sugli investimenti passati e futuri, sulle tattiche dei canali di marketing, sulle preferenze e sulle sfide aziendali. 

Glossy+ Research ha inoltre condotto un focus group e interviste individuali con dirigenti di marketing di diversi settori.

Disimballaggio di Walmart Connect - il top RMN dopo Amazon

Walmart Escludendo Amazon per questa analisi, WalmartConnect e TargetRoundel sono stati il secondo e il terzo network di media retail più utilizzati dai marketer, rispettivamente con il 24% e il 21% degli intervistati.

Walmart Connect e Roundel sono i principali operatori RMN di grandi dimensioni

Fonte: Glossy+ Research, 2023 | D: Quali canali media per la vendita al dettaglio, se esistono, utilizza attualmente la sua azienda? Selezionare tutti quelli che si applicano.

WalmartDa parte sua, Walmart ha ampliato con successo la propria attività pubblici taria da quando, nel 2021, ha ribattezzato la propria rete di media per la vendita al dettaglio con il nome di Connect. Secondo i risultati pubblicitari del secondo trimestre 2023 della piattaforma di accelerazione del commercio Pacvue, Walmart Connect ha registrato un aumento del 125% rispetto all'anno precedente nei tassi di clic e un aumento del 40% nel ritorno sulla spesa pubblicitaria nel secondo trimestre del 2023.

Pacvue ha attribuito la crescita di Walmart Connect alle modifiche che Walmart ha apportato all'algoritmo e alle regole e funzionalità di offerta. Nel luglio 2022, Walmart ha aggiunto una serie di partner API a Walmart Connect per migliorare l'attrattiva creativa degli annunci serviti ai clienti. Il rivenditore ha anche implementato un'asta di secondo prezzo che ha migliorato il ROAS, secondo un rapporto di ottobre di Insider Intelligence. Tuttavia, Pacvue ha anche rilevato una diminuzione del ROAS del 4,8% trimestre su trimestre entro il terzo trimestre del 2023, che secondo sembra segnalare un plateau nei risultati degli sforzi compiuti da Walmart Connect all'inizio dell'anno.

PacvueI risultati pubblicitari del terzo trimestre hanno anche rilevato che il costo medio per clic di Walmart Connect, pari a 61 centesimi, era significativamente inferiore al CPC medio di Amazon Sponsored Products, che al momento della misurazione era di quasi 1,30 dollari. Secondo i risultati dell'indagine di Glossy, i tassi di click-through sono stati il terzo KPI più utilizzato dai marketer per i media retail, con il 17% degli intervistati che ha dichiarato che i click-through erano la loro principale misura di successo per gli annunci pubblicati su RMN. I tassi CPC più bassi, combinati con l'aumento del 125% dei tassi di clic nel Q2 di Walmart Connect rispetto all'anno precedente, dimostrano l'efficacia della sua piattaforma pubblicitaria, rendendo Walmart Connect più interessante per i marketer. 

Essendo il secondo RMN più utilizzato dopo Amazon, Walmart Connect ha anche accesso a una serie di dati sui consumatori che possono essere utilizzati per il targeting e la personalizzazione degli annunci. Con le leggi sulla privacy sempre più severe e Google che continua ad avvicinare il settore alla fine dei cookie di terze parti nel 2024, l'accesso a una rete con i dati di acquisto dei clienti è un'alternativa interessante.

Kelly di PriceSpider ha dichiarato che un attributo positivo di Walmart Connect è quello di fornire l'accesso a dati di prima parte sulle transazioni dei clienti, sui programmi di fidelizzazione, sugli acquisti in negozio e sul comportamento di navigazione online e di ricerca online. Tuttavia, alcuni clienti di PriceSpider hanno espresso preoccupazioni sul livello di dati che Walmart condivide con loro sulle prestazioni e sui dati demografici di RMN, nonché sulla sofisticazione complessiva della piattaforma e sulle opportunità pubblicitarie. Sebbene Walmart disponga di un mercato online da oltre un decennio, storicamente ha offerto meno servizi ai venditori terzi rispetto a Amazon. Ad esempio, Walmart ha lanciato un servizio di adempimento per i venditori terzi solo nel 2020.

"Rispetto alle opzioni disponibili su Amazon, ad esempio, Walmart Connect ha giocato a rimpiattino in termini di offerta di piattaforma e di allineamento con gli obiettivi pubblicitari specifici dei brand e con i requisiti di spesa della rete media retail", ha dichiarato Kelly.

Secondo Pacvue, gli inserzionisti stanno spendendo di più su Walmart Connect, con una spesa pubblicitaria media in aumento del 14,5% rispetto all'anno precedente e del 2,2% rispetto al trimestre precedente. Tuttavia, quando l'anno scorso Walmart ha reso noto per la prima volta il fatturato della sua attività di media e pubblicità, tale cifra ammontava a 2,1 miliardi di dollari, pari a solo l'1,4% circa del fatturato annuale di Walmart.

Kelly ha osservato che, sebbene Walmart abbia parlato di un passaggio degli acquirenti statunitensi ai suoi negozi - e probabilmente ai suoi marchi interni - a causa del prolungarsi dell'inflazione e delle preoccupazioni economiche, ciò potrebbe indurre alcuni inserzionisti a ridurre la spesa su Walmart Connect. "I grandi marchi di beni di largo consumo spendono tipicamente su RMN", ha dichiarato l'autrice. "Tuttavia, la recente impennata degli acquirenti che passano ai trade down come il marchio Great Value di Walmartpotrebbe far riflettere i marchi su dove spendere i dollari RMN in un retailer con forti preferenze per le private label tra gli acquirenti".

Cheryl Gresham, CMO di Verizon Visible, che all'epoca della nostra intervista era CMO di Verizon Value, ha dichiarato che la sua azienda vende molti dei suoi prodotti principalmente o esclusivamente su Walmart , grazie al posizionamento di valore del rivenditore per i marchi, compresi quelli non di GPL. "L'impatto di ciò che vediamo su Walmart è un forte risultato", ha detto Gresham. "Sia che si tratti di negozi sugli schermi video, sia che si tratti di social, sia che si tratti di ricerche, vediamo che Walmart è un forte concorrente in questo spazio".

TargetRoundel gioca con le sue capacità di raccolta dati per attirare l'attenzione dei brand

In confronto, Roundel, il media network di Target, è stato il terzo RMN più utilizzato dai marketer, con poco meno di un quarto degli intervistati (21%) che ha dichiarato di utilizzarlo. TargetIl rispettabile terzo posto è dovuto in parte agli sforzi compiuti dall'azienda per espandere la portata di Roundel negli ultimi anni.

Nel 2019, Target ha ribattezzato il suo RMN da Target Media Network a Roundel. All'epoca, il presidente di Roundel, Kristi Argyilan, che ora è Svp of retail media di Albertsons Companies, disse che il rebrand significava uno spostamento di risorse verso la media company interna al retailer. Target prevedeva che Roundel gestisse la pubblicità in loco e nei punti vendita, oltre agli annunci che apparivano su un elenco curato di siti di editori nella rete di Target, in TV e su altri canali. 

E la spinta di Targeta espandere Roundel sembra aver dato i suoi frutti. Durante la telefonata sugli utili del quarto trimestre del 2022, i dirigenti della società hanno dichiarato che l'attività pubblicitaria di Targetè cresciuta del 60% negli ultimi due anni. Nel secondo trimestre del 2023, il direttore finanziario della società, Michael Fiddelke, ha fatto notare che, sebbene le entrate totali di Targetsiano diminuite del 4,9% nel secondo trimestre rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, "nell'ambito delle altre entrate, continuiamo a registrare una forte crescita della nostra attività pubblicitaria Roundel, che ha compensato le diminuzioni della partecipazione agli utili delle carte di credito e di altre piccole voci di reddito rispetto all'anno scorso".

Come Walmart Connect, Roundel sottolinea la sua capacità di raccogliere e fornire dati sui clienti ai marchi. Roundel attinge ai dati di prima parte dei clienti di Targetattraverso il suo sito online e la sua applicazione mobile, che possono essere utilizzati per tracciare il comportamento dei clienti anche nei negozi. "La parte più importante di questo business è che i nostri dati di prima parte ci permettono di basare il nostro pubblico su persone reali", ha dichiarato Argyilan nel 2019. "I risultati quando si commercializzano e si utilizzano dati basati su persone reali sono nettamente migliori rispetto ai pool di dati che ci sono in giro". 

Nella telefonata sugli utili del secondo trimestre 2023 di Target, l'amministratore delegato Brian Cornell ha dichiarato che l'azienda ha registrato "... aumenti significativi in tutta la nostra attività in tutte e cinque le categorie di merchandising sia nei nostri negozi che nei canali digitali e nella nostra attività pubblicitaria Roundel". E questa crescita riflette un aumento del coinvolgimento dei clienti, misurato dal numero di visite che essi effettuano su Target". Cornell ha aggiunto: " ... il numero di viaggi degli ospiti fino alla prima metà del 2023 è stato superiore di oltre 169 milioni, ovvero oltre il 21% in più rispetto al 2019".

L'aumento del numero di acquirenti che visitano Target dal 2019 significa presumibilmente che Roundel ha più dati sui consumatori da offrire ai marchi nel 2023 rispetto a quattro anni fa. Roundel offre ai marchi anche report sulle performance pubblicitarie in termini di coinvolgimento, impressioni e vendite. Tuttavia, Kelly di PriceSpider ha dichiarato che alcuni clienti di PriceSpider hanno espresso preoccupazioni sul livello di dati condivisi da Roundel simili a quelle espresse per Walmart Connect. 

"Per i brand, si tratta di valutare in quali retailer hanno maggiori probabilità di raggiungere il loro shopper principale, il consumatore acquirente, e di fargli percorrere con successo il percorso di acquisto", ha dichiarato Kelly. "Considerando fattori come il targeting dell'audience, la misurazione delle performance delle campagne, la capacità di tracciare e ottimizzare i risultati, i brand cercano di investire i dollari dei network media retail dove hanno la flessibilità di ottimizzare le campagne inflight e di raccogliere dati per informare le strategie future e la spesa sui network media retail".

Nel complesso, Kelly ha osservato che i dati recenti mostrano che Walmart è in una posizione più forte con i consumatori nel 2024 rispetto a Target (sebbene entrambi i rivenditori presentino prospettive caute), il che potrebbe aiutare i marchi a dare priorità alla spesa per Walmart Connect rispetto a Roundel.

Kroger, Albertsons si apprestano a sfidare i top RMN dopo la fusione

Dopo Walmart Connect e Roundel di Target, Kroger Precision Marketing è stato scelto da meno di un quinto degli intervistati (6%) come rete di media per la vendita al dettaglio attualmente utilizzata dalla propria azienda. Tuttavia, questa situazione potrebbe presto cambiare, in quanto l'azienda alimentare è pronta a far crescere il suo RMN, lanciato nel 2017, grazie all'imminente fusione con il gigante dei supermercati Albertsons Companies. (Albertsons ha una propria RMN, Albertsons Media Collective). Le società hanno dichiarato che prevedono di completare la fusione all'inizio del 2024. 

Kroger Precision Marketing ha registrato un aumento del 13% del coinvolgimento degli acquirenti digitali nel primo trimestre del 2023. L'amministratore delegato di Kroger, Rodney McMullen, ha attribuito l'aumento in parte al fatto che i clienti in negozio iniziano i loro acquisti attraverso l'applicazione mobile o il sito web di Kroger, mentre cercano offerte e coupon online e creano liste della spesa curate. "Apprezziamo questo comportamento in quanto le famiglie impegnate digitalmente sono più fedeli, spendono quasi tre volte di più con noi e contribuiscono alla crescita delle nostre attività alternative di profitto come Kroger Precision Marketing", ha dichiarato McMullen.

Secondo gli esperti, l'imminente fusione di Kroger con Albertsons porterà una maggiore attenzione ai media al dettaglio e l'entità combinata potrebbe persino essere in grado di sfidare Walmart Connect, presentando ai marchi un'offerta pubblicitaria più convincente e una maggiore ampiezza di dati da utilizzare per il targeting degli annunci. Secondo quanto dichiarato dalle due società all'annuncio della fusione, l'entità combinata sarà in grado di raggiungere circa 85 milioni di famiglie. 

"I media al dettaglio sono una partita che si vincerà o si perderà in base alla portata dei dati che i rivenditori sono in grado di mettere a disposizione", ha dichiarato Sean Turner, chief technology officer di Swiftly, una piattaforma tecnologica che lavora con i rivenditori per alimentare i loro siti web e le loro applicazioni. "Questa nuova entità [Kroger-Albertsons] consente loro di combinare tutte le risorse di portata, vendite e dati di Albertsons e Kroger per formare un'entità pubblicitaria ancora più potente".

Come già detto, un vantaggio evidente dei media retail rispetto ad altri canali di marketing è l'accesso ai dati di acquisto dei clienti attraverso siti costruiti per il commercio. In vista della loro fusione, Kroger e Albertsons sono due dei numerosi partner di reti di media al dettaglio che hanno recentemente collaborato con Omnicom Media Group (OMG) per aiutarlo a definire gli standard dei dati relativi ai media al dettaglio, come indicato nel sottogruppo retail del Council on Accountability and Standards in Advertising (CASA) di OMG. 

Cara Pratt, vicepresidente senior di Kroger Precision Marketing, ha spiegato il motivo per cui la sua azienda ha partecipato a CASA. "I segnali d'acquisto dei rivenditori hanno il potenziale per trasformare la pubblicità", ha dichiarato Pratt. "Ma oggi non tutti i rivenditori gestiscono i loro dati con la stessa precisione o affidabilità. Siamo in un momento in cui gli inserzionisti hanno bisogno che ogni rete di media al dettaglio investa le risorse e i talenti necessari per gestire una società di media credibile. Quando un maggior numero di rivenditori si dedicherà seriamente ai media, l'impatto si ripercuoterà su tutto il panorama pubblicitario".

Instacart fa breccia nel mercato degli annunci sui media per la vendita al dettaglio

Anche se non fa parte delle reti di media per la vendita al dettaglio incluse nel set di risposte di Glossy+ Research, Instacart, che ha avuto la sua IPO a settembre, è degna di nota per lo sforzo concertato che ha fatto nell'ultimo anno per costruire il suo business pubblicitario. 

Fondata nel 2012, Instacart si è fatta una reputazione creando un'esperienza utente formidabile per la vendita di generi alimentari online negli Stati Uniti. Secondo il deposito S-1 dell'agosto 2023 della società, la piattaforma lavora con più di 1.400 "banner" di vendita al dettaglio - essenzialmente marchi - attraverso più di 80.000 negozi che rappresentano oltre l'85% del settore alimentare statunitense. 

Durante la pandemia Instacart ha beneficiato di un aumento delle consegne di generi alimentari a domicilio, ma da allora la sua attività principale di consegna è rallentata e l'azienda è ora concentrata sul miglioramento delle opzioni pubblicitarie per gli operatori del marketing. Nell'ottobre 2022, Instacart ha reso più facile per i marchi lanciare nuove offerte, promozioni e incentivi sulle loro campagne pubblicitarie Instacart con accesso self-service e funzionalità correlate. Il mese successivo, Instacart ha introdotto gli annunci shoppable e da allora si sta espandendo in diversi formati, tra cui shoppable display, shoppable video e brand page.

Sebbene l'attività pubblicitaria di Instacart sia relativamente nuova, nei primi sei mesi del 2023 ha registrato una traiettoria ascendente, con un aumento dei ricavi pubblicitari del 24% da 327 a 406 milioni di dollari. "Negli ultimi anni i media per la vendita al dettaglio sono cresciuti moltissimo", ha dichiarato Laura Jones, CMO di Instacart. "Può essere una leva molto potente per i marchi CPG e per i loro profitti. Ad esempio, abbiamo 6.000 brand partner sulla nostra piattaforma di annunci, e si tratta di prodotti di largo consumo che vengono venduti sulla piattaforma e che scelgono di migliorare le prestazioni delle loro vendite investendo nei nostri media retail". 

Tuttavia, mentre le entrate pubblicitarie sono aumentate per Instacart, i costi di acquisizione sono aumentati anche per i marchi nella prima metà dell'anno. Secondo i risultati pubblicitari del secondo trimestre 2023 di Pacvue, il costo per acquisizione degli annunci sponsorizzati di Instacart è aumentato del 7%, passando da 99 centesimi nel primo trimestre 2023 a 1,06 dollari nel secondo trimestre 2023. Questo potrebbe significare problemi per Instacart, dato che gli esperti di marketing hanno dichiarato a Glossy che la loro maggiore preoccupazione nell'ambito dei media per la vendita al dettaglio è il costo dei media. Il 92% di coloro che hanno risposto al sondaggio CMO Strategies di Glossy+ Research ha dichiarato che il costo dei media è la sfida più grande che hanno affrontato con gli RMN, una preoccupazione comune anche ai marketer di tutti i canali.

Il costo dei media è la sfida più grande

Fonte: Glossy+ Research, 2023 | D: Qual è la sfida più grande che percepisce con ciascuna delle seguenti reti di media al dettaglio?

Oltre alle potenziali preoccupazioni relative ai costi dei media, Instacart ha anche osservato nel suo deposito S-1 che il consolidamento tra i principali partner di vendita al dettaglio, come la fusione in corso tra Albertsons e Kroger, potrebbe avere un impatto "sulle trattative contrattuali con tali partner di vendita al dettaglio, portare a un minore utilizzo dei nostri prodotti o, in ultima analisi, alla cessazione degli impegni esistenti con i rivenditori".

Bryan Gildenberg, fondatore della società di consulenza commerciale Confluence Commerce, concorda sul fatto che la fusione tra Albertsons e Kroger potrebbe danneggiare Instacart, poiché Albertsons rappresenta una parte molto importante dell'attuale attività di Instacart. "E l'atteggiamento di Kroger nei confronti di Instacart è molto diverso da quello di Albertsons", ha detto Gildenberg. "Kroger ha un'infrastruttura in grado di fare alcune delle cose che Instacart fa e preferisce cercare di risolvere questo problema internamente [piuttosto che] rivolgersi a terzi".

Tuttavia, Jones di Instacart afferma che uno dei punti di forza dell'azienda è che si rivolge a tutti i marchi. "Siamo indipendenti dai rivenditori", ha dichiarato Jones. "Siamo sempre concentrati sulla promozione dell'attività dei nostri partner di vendita al dettaglio e sulla possibilità per i prodotti di largo consumo di effettuare acquisti a livello nazionale attraverso i rivenditori, invece di dover andare da ciascun rivenditore in modo indipendente. Per noi è un grande investimento e fa parte della nostra visione di alimentare ogni singola transazione grocery".

Con l'ingresso di nuovi operatori e la concorrenza internazionale, si prevede che i media al dettaglio continueranno a crescere.

Si prevede che nei prossimi anni i media per la vendita al dettaglio continueranno a crescere sia online che nei negozi, con un numero sempre maggiore di aziende che investiranno in reti di media per la vendita al dettaglio grazie alle tendenze di acquisto digital-first e alle capacità di raccolta dati delle RMN. Microsoft ha fatto la più recente mossa RMN a settembre, lanciando la sua Microsoft Retail Advertising Network. Secondo Mike Froggatt, analista di Gartner, la piattaforma pubblicitaria di Microsoft e la sua più ampia gamma di capacità di media buying con i media retail contribuiranno a livellare il campo di gioco con i rivali.  

Anche le reti di media per la vendita al dettaglio con sede al di fuori degli Stati Uniti stanno espandendo la loro portata. Ciò è evidente nei risultati del sondaggio di Glossy+ Research, in cui gli intervistati hanno incluso sia Tmall, con sede in Cina, sia Mercado Libre, in America Latina, tra le risposte "altro" per gli RMN più utilizzati. Le stesse aziende hanno riferito di recenti piani di espansione e successi finanziari. A giugno, la società madre di Tmall , Alibaba, ha annunciato il lancio di versioni locali del sito di e-commerce in Europa. Ad agosto, Mercado Libre ha comunicato nel suo rapporto Q2 che il suo fatturato netto è cresciuto del 57,2% rispetto all'anno precedente, raggiungendo i 3,4 miliardi di dollari. 

In risposta alla crescita dei media al dettaglio, i retailer e le agenzie stanno preparando i loro marchi e il loro personale ad ampliare le opportunità di business offrendo formazione sulla tecnologia dei media al dettaglio. UM di Interpublic ha aperto uno spazio nella sua sede di New York dove i dipendenti e i clienti di IPG possono sperimentare le più recenti tecnologie per il commercio e i media al dettaglio. Walmart offre un programma di certificazione per istruire le agenzie e i marchi sulle funzionalità di Walmart Connect. Il retailer darà ai partecipanti che completeranno con successo il corso dei badge di credenziali digitali abilitati da LinkedIn.

Guardando al futuro, i negozi fisici sono destinati a diventare il prossimo grande canale mediatico della vendita al dettaglio, in quanto il pubblico dei punti vendita è in media molto più numeroso di quello digitale. Uno studio di Insider Intelligence del novembre 2022 ha rilevato che per 13 importanti rivenditori brick-and-mortar, tra cui Walmart, Target e Kroger, il loro pubblico in-store era in media superiore del 70% a quello digitale, citando i dati di Placer.ai e Comscore Media Metrix Multi-Platform. 

Secondo lo studio, molte superfici digitali all'interno dei negozi, compresi gli espositori dei marchi sugli scaffali e le pubblicità video sui televisori, saranno esposte frequentemente. 

"I retailer tendono a considerare le persone nei negozi come traffico pedonale, ma devono essere considerate anche come bulbi oculari per gli inserzionisti dei marchi", ha dichiarato Andrew Lipsman, analista principale per la vendita al dettaglio e l'e-commerce di Insider Intelligence. "I media per il retail sono sempre stati considerati in termini di ricerca e di bottom of the funnel, di performance a ciclo chiuso, e dovrebbero essere tutto questo. È molto fedele alla proposta di valore iniziale dei media retail. Ma sta diventando un'opportunità di marketing full-funnel".


Autore

Premi e riconoscimenti